Come proteggere i materassi dagli acari

0
tecnologia materassi antiacaro

Gli acari sono sicuramente causa di grandi fastidi per gli esseri umani: diversi studi dicono che almeno un italiano su tre soffre di allergie respiratorie legate proprio alla presenza e al contatto diretto con questi parassiti.

Gli acari infatti tendono ad annidarsi nelle nostre case e principalmente nei luoghi in cui si ha un contatto diretto come materassi, divani e cuscini. Questo perché gli acari temono la luce solare diretta e amano invece il buio e perché si nutrono principalmente delle cellule morte della nostra pelle.

I principali metodi in commercio per l’eliminazione degli acari sono chimici: si tratta di sostanze chimiche che non risolvono il problema (gli acari possono tornare) e sono potenzialmente pericolose per l’uomo, i bambini, le donne in gravidanza e gli animali domestici.

Esiste però una valida alternativa, naturale ed ecologica e che funziona a lungo termine: l’antiacaro a ultrasuoni.

Si tratta di un dispositivo che emette continuativamente ultrasuoni ad alta frequenza che infastidiscono gli acari, inibendo il loro appetito e la loro capacità di riprodursi. Nel giro di 90 giorni dalla prima installazione la popolazione di acari si è notevolmente ridotta se non azzerata e anche le problematiche respiratorie di chi ne soffre la presenza.

Gli ultrasuoni emessi non sono udibili dall’uomo e sono assolutamente sicuri anche per gli animali domestici: gli antiacari a ultrasuoni rappresentano la miglior soluzione non chimica e non tossica al problema degli acari in casa e inoltre, a differenza delle soluzioni chimiche, gli acari non tornano.

L’utilizzo di questi dispositivi è molto semplice: basta posizionarne uno al lato del materasso o nel cuscino per avere una protezione completa che avvolge il materasso, sia di un letto singolo che matrimoniale.

Inoltre l’utilizzo di questi dispositivi in ambienti sani o già sanificati permette di prevenire l’annidamento di acari.

Nessun commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.