Dimensionamento del condizionatore

0
condizionatore

L’esposizione al sole, il movimento costante delle persone, l’uso di apparecchiature elettroniche e molti altri fattori rendono più caldo l’interno della casa nella bella stagione.

Installare l’aria condizionata in casa consente dunque di avere un miglior comfort termico. Prima di procedere con il montaggio è necessario valutare il carico termico dell’ambiente e, quindi, trovare il modello adatto per ogni edificio.

Devono essere osservati difetti e vuoti nei muri, finestre e porte e se l’ambiente è realmente coibentato per garantire l’efficienza energetica delle apparecchiature.

Come dimensionare il condizionatore

Per le case in muratura sono indicati in modo approssimativo 600 BTU per m², mentre per l’ installazione di aria condizionata in case in legno si consiglia di considerare una media di 800 BTU per m² per ambienti fino a 3 m di altezza. È importante ricordare però che, soprattutto quando si parla di ambienti diversi, come è il caso della casa in legno, è fondamentale calcolare il carico termico.

Importante anche l’indice SEER, piú è alto e maggiore è l’efficienza del condizionatore. In quelli portatili, ad esempio i climatizzatori portatili silenziosi, è molto basso, in quelli a muro può raggiungere 6.0 per i modelli in classe A+ e 9.8 per i modelli in classe A+++ come ad esempio i modelli top di DAIKIN.

Tutto il dimensionamento della capacità viene eseguito in base al picco di calore. Sebbene il legno impieghi più tempo per guadagnare e perdere calore, il che gli conferisce un vantaggio, sia in inverno che in estate, la maggior parte delle case sono realizzate con impiallacciatura di legno da 1 pollice e con questo spessore tende a guadagnare o perdere calore ancora più rapidamente.

L’ideale sarebbe una doppia parete in legno con uno spazio tra di loro, oppure l’utilizzo di un rivestimento termico, che ne aumenterebbe notevolmente il prezzo. A questo si aggiunge il fatto che, una volta riscaldate dal sole le pareti in legno, il condizionatore dovrà raffreddare le pareti prima ancora di raffreddare la stanza.

Poiché è impossibile dire solo tramite analisi visiva se la parete in legno è semplice, doppia o rivestita, in pratica si tende a sovradimensionare (800 BTU/m2). Pertanto, l’analisi del carico termico deve essere eseguita caso per caso.

Come spiegato sopra, la parete in legno è più efficiente sia in inverno che in estate, e questo è dovuto alla bassa conducibilità termica, tuttavia la parete deve essere doppia o rivestita, e completamente sigillata, cosa che è garantita al 100% nella parete in muratura. Ad esempio: Una volta che l’ambiente è riscaldato, ci vuole tempo per perdere calore (vantaggio in inverno).

Una volta freddo, impiega un po’ di tempo a prendere calore (vantaggio in estate). Ciò non elimina i picchi di carico, raggiunti dopo un tempo più lungo rispetto alle pareti in muratura, fattore determinante nel calcolo del carico termico e nel dimensionamento delle apparecchiature.

Bisogna anche ricordare che le case in legno sono solitamente più comuni nei climi freddi e in questi casi l’aria condizionata è più efficiente per riscaldare l’ambiente.

Quando si pensa all’acquisto di un condizionatore compaiono anche i dubbi sull’aumento della bolletta elettrica. Quindi, per scoprire se l’elettrodomestico assorbe molte energia dobbiamo fare due calcoli, altrimenti rischiamo che il nostro carico da 3 Kw tipico di una casa, non sia sufficiente per sostenere l’assorbimento di piú condizionatori in funzione contemporaneamente,

Presta dunque attenzione ai BTU e alla potenza del condizionatore, ma soprattutto alla sua classe energetica. I migliori modelli, quelli piú efficienti dal punto di vista energetico sono quelli in classe A+++.

Prima ancora di calcolare il consumo in valori, è necessario conoscere informazioni precise sui BTU per non spendere di più in bolletta. Tutto perché, se la capacità del dispositivo è inadeguata, deve lavorare di più per raffreddare l’ambiente.

Sai cos’è il BTU? BTU è l’unità che misura la capacità del condizionatore d’aria . È anche l’indicatore della potenza termica, se raffrescare o riscaldare qualsiasi ambiente. Un altro punto che può sfavorire i consumi del tuo condizionatore è l’errata installazione del dispositivo.

Il watt è la potenza del dispositivo. Al momento dell’acquisto, vedi quale potenza serve per non estrapolare la spesa per il tuo climatizzatore.

Come abbiamo specificato sopra per ogni mq ci vogliono 600 Btu, ma questa misura è relativa, dipende da che temperatura troveremo in camera, di che temperatura desideriamo raggiungere e se c’è la presenza di fonti di calore, senza tralasciare l’esposizione della stanza.

Vota questo articolo!

Nessun commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.